Un altoparlante funziona grazie all’interazione tra due campi magnetici; uno costante e uno variabile nel tempo.


Il campo magnetico costante:

Il campo magnetico costante è generato da una semplice calamita. Sul fondo di ogni altoparlante è presente infatti una calamita fissata alla struttura dell’altoparlante stesso.

Nel caso di altoparlanti che si comprano in negozio o su internet, ci sono di solito due tipi di calamita; in ferrite, o di neodimio. La differenza sta nel fatto che le calamite al neodimio, a parità di grandezza (e soprattutto di peso), generano un campo magnetico più intenso. Tuttavia spesso costano di più.


Il campo magnetico variabile:

Il campo magnetico variabile è generato da un solenoide attraversato da una corrente. Un solenoide è un insieme di avvolgimenti di un filo conduttore. Per proprietà fisiche del solenoide, facendo passare una corrente attraverso gli avvolgimenti, questo genera un campo magnetico e si comporta esattamente come se fosse una calamita.



Formula del campo generato da un solenoide:

  • B = campo magnetico
  • I = intensità di corrente
  • N = numero di spire
  • l = lunghezza solenoide
  • μ0 = costante 

Nel caso descritto dall’immagine sopra, l’intensità di corrente I è costante nel tempo, perciò il campo magnetico B generato risulta anch’esso costante.

Nel caso in cui la corrente non sia costante nel tempo, ma sia ad esempio I(t):


  • B(t) = campo magnetico variabile in funzione del tempo
  • I(t) = intensità di corrente variabile nel tempo

Di conseguenza anche il campo generato B(t) sarà variabile nel tempo in funzione dell’intensità di corrente.


Interazione del due campi

Abbiamo detto che il solenoide si comporta come se fosse una calamita. Perciò se mettiamo vicini la calamita e il solenoide questi si attraggono e si respingono secondo la posizione del polo nord e del polo sud (delle singole calamite, non della terra). Tuttavia il campo magnetico variabile B(t) fa sì che si respingano (o si attraggano) più o meno intensamente.

In passaggio di corrente I(t) all’interno del solenoide comporta quindi un movimento di quest’ultimo rispetto alla calamita fissa. Se la corrente corrisponde alla nostra canzone, il movimento (o meglio la vibrazione) del solenoide corrisponde alla canzone stessa. In questo modo è possibile muovere la membrana (il cono) dell’altoparlante, quindi è possibile far variare la densità dell’aria e generare un’onda longitudinale, ovvero un onda sonora.

Rappresentazione di un’onda sonora che si propaga in aria


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »